Cosa mangiare in pausa pranzo? In Italia oltre 34 milioni di persone si pongono quotidianamente questa domanda in quanto non tornano a casa per pranzo. C’è chi si accontenta di uno spuntino veloce; ma la tendenza ormai confermata è quella di ricercare piatti salutari. La pausa pranzo durante la giornata di lavoro, infatti, è molto importante, perché permette all’organismo di ricaricarsi di energie, evitando così cali di zuccheri nelle ore successive.

Il pranzo deve quindi essere leggero per non appesantire l’organismo in fase di digestione, con conseguente difficoltà di concentrazione, sonnolenza e gonfiori. Ecco quindi rispolverata la tradizione dei nostri genitori che preparavano il pranzo a casa per il giorno dopo, da portare al lavoro nello “scaldavivande”. In Piemonte si chiama “baracchino”, in Lombardia “schiscetta” in Veneto “gavetta” o “gamella”. 

La ricetta che vi proponiamo oggi, è semplice e leggera, si può preparare in anticipo ma soprattutto offre unpasto completo dal punto di vista nutrizionale, quindi con la presenza di cereali (25%) + proteine (25%) + vitamine e sali minerali della verdura (50%), così come raccomandato dall’Istituto CREA (Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione).

TORTINI CON FARINA DI CECI, PEPERONE ROSSO E PORRO CON INDIVIA MARINATA

senza glutine, senza latte e derivati, impatto glicemico basso

INGREDIENTI per 4 porzioni (circa 16-20 tortini)
180 gr di farina di ceci
480 gr di latte di soia
320 gr di peperoni rossi
240 gr di porro (pulito)
80 gr mais fioretto
1 cucchiaino di bicarbonato
4 foglie di alloro
8 rametti di timo fresco 
4-8 rametti di maggiorana fresca
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale, pepe, noce moscata

PROCEDIMENTO

Setacciate le farine all’interno di una ciotola poi aggiungete il sale, il bicarbonato e le erbe provenzali. Mescolate gli ingredienti secchi in modo da amalgamarli bene fra di loro.

Unite il latte di soia mescolando con una frusta per non formare grumi. L’impasto che otterrete sarà piuttosto liquido. Se serve regolate di sale. Mettete a riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Tagliate a rondelle sottili il porro. Pulite i peperoni privandoli del torsolo e dei filamenti interni bianchi e tagliateli a cubetti.

In una padella, o in una casseruola, versate un cucchiaio di olio e un cucchiaio di acqua, versate il porro e poco dopo il peperone. Aggiungete il sale e cuocete per 5-6 minuti.

Levate dal fuoco e lasciate intiepidire.

Foderate con carta forno 3 stampini per muffin facendo in modo che la carta fuoriesca dagli stampi per agevolare l’estrazione. Dividete il composto di verdure negli stampini e versatevi sopra la pastella.

Infornate a 180°C per circa 25-30 minuti. Da consumare tiepide.

Potete servire i tortini con dell’insalatina fresca di stagione.

Durante la cottura delle frittatine lavate i cespi di indivia e divideteli in quarti nel senso della lunghezza.

Se volete potete cucinarli nel forno a microonde procedendo nel seguente modo: prendete un contenitore adatto alla cottura con i bordi un po’ alti (es pirofila), distribuite l’indivia sul fondo accostando i singoli pezzi senza sovrapporli. Irrorate con un po’ di olio e di aceto di riso, salate e pepate. Coprite con pellicola trasparente, adatta alla cottura in microonde, e fate cuocere a 850W per 4 minuti.

Al termine estraete la pirofila, la pellicola si sarà gonfiata. Attendete qualche secondo prima di toglierla pellicola (deve essersi sgonfiata) e riponete in un piatto da portata. Ripetete l’operazione con l’indivia avanzata.

Se invece preferite la cottura al forno, stendete l’indivia su una teglia ricoperta di carta forno, conditela come sopra e trasferite in forno già caldo a 180°C per 8-15 minuti (deve rimanere un po’ croccante).

N.B.: Per completare il piatto dal punto di vista nutrizionale accompagnatelo con del riso integrale cotto per assorbimento (o altro cereale in chicco).